Some might say we will find a brighter day

Ecco le interviste esclusive rilasciate al fans club italiano ufficiale, alcune già pubblicate sulle fanzine cartacee Wonderwall.

ROMA - Sabato 5 dicembre 2009

PAUL GALLAGHER.

The real Big Brother.

Paul Gallagher è il primogenito e sicuramente il meno noto dei tre fratelli Gallagher. Nato l’11 gennaio del 1966, circa un anno e mezzo prima di Noel, tifa il City e ha sempre cercato di trovare il suo posto nel mondo della musica.
Alla fine degli anni 80 ha iniziato a selezionare dischi in alcuni locali a Manchester, per abbandonare le scene con l’avvento del periodo acid house music.
Ha lavorato per la Creation Records durante gli anni 90, diventando anche il manager di una band.
Dal 2006 è tornato a selezionare dischi in varie parti del mondo. Ora per la prima volta anche in Italia, in esclusiva per Wonderwall.

ROMA - Venerdì 20 febbraio 2009

PHIL SMITH.

Meeting the Oasis tour dj

Nel lussuoso hotel dove alloggiano gli Oasis prima del loro concerto nella capitale incontriamo Phil Smith, il tour Dj che segue la band da oltre 10 anni. Tutti lo avevamo notato nel film documentario Lord Don’t Slow Me Down che se la spassava sempre insieme alla band. Ma conoscendolo scopriamo molto di più.
E’ stato il roadie degli Stone Roses e lavorava nello staff dello storico locale Hacienda a Manchester. Conosce Noel da quando era il roadie degli Inspiral Carpets ma ignorava che sapesse suonare una chitarra. Era compagno di appartamento del produttore Mark Coyle e Married With Childern è stata registrata nella camera accanto la sua.

ROMA - Sabato 24 maggio 2008

BONEHEAD.

I told you last night.

Bonehead è a Milano per partecipare alla Supersonic Night. Ha posticipato le sue vacanze con la famiglia di due giorni perchè voleva esserci. Non tornava su un palco in Italia dal 1997, quando, sempre a Milano, il 17 novembre suonò al Forum di Assago la seconda delle due date milanesi del Be Here Now Tour.
Il venerdì sera, nonostante la stanchezza del viaggio, Bonehead non ha intenzione di passare la serata in hotel. Non osavamo chiedere tanto e alla fine è stato lui a proporre di fare una birra insieme in qualche locale. Un’uscita in compagnia di Bonehead!

Tutti i diritti riservati sulle foto e i testi, nessuna parte può essere riprodotta senza previa autorizzazione scritta.